Con Bruegel il vecchio

Posted in Uncategorized on 05/02/2018 by ADSO

496px-Pieter_Bruegel_the_Elder_-_The_Triumph_of_Death_(detail)_-_WGA3392

E’ grigio, oggi, scuro.

Non il cielo, non i caseggiati, non le persone.

Non le auto, non l’aere,

ma

le pareti di quei corridoi

nella testa, in cui tutto scorre e

niente rimane uguale.

 

 

 

Riddle

Posted in Manuale, Piccolità// mie poesie minuscole+, Saggio, Uncategorized on 02/02/2018 by ADSO

cropped-img_3311.jpg

 

Riddle riddle
stop to bite
let me rip your curtain
through the night
let me win you
and let me soar
catch your meaning
through the open door
Riddle riddle
while you amaze
you take my sorrow
and heal my gaze
riddle riddle
get down with me
sink all the demons
and I’ll die laughing with thee.

Riflessione di Haramein sul Tempo

Posted in Manuale, Saggio on 01/02/2018 by ADSO

“Since time is distance in space,

time is memory on the structure of space.

Without memory, there is no time.

Without time, there is no memory.

It then follows that the energy

that we perceive as the material world

must be information,

or energy on the structure of space”

 

 

Penso sia fondamentale eviscerare a fondo la natura di questa riflessione che ci rivela, come gli antichi già sapevano che il Tempo non esiste ma che ci schiavizzano con la necessità di inquadrarci attraverso categorie che imbrigliano persino i nostri sensi nella percezione della realtà esteriore e di quella interiore, di conseguenza.

Rècere

Posted in Piccolità// mie poesie minuscole+, thriller, scrittura, angoscia, psicopatologie, quotidianita' with tags on 31/01/2018 by ADSO

IMG_0260

Ho

i tuoi occhi in bocca

scivolosi

mi disgustano

mantengo fede all’intento

anche quando l’istinto

fisico

è il rigetto.

Ti vorrei cieco e insipiente

della proditoria immagine di me

che ti sei creato,

che accarezzi insudiciando

chi sono davvero.

Sputo addosso ad altri

il tuo guardare superficiale

conservando di te solo l’illusione

di diversità che

ha momentaneamente assopito

l’inquieto e incessante scorrere

elettrico tra le basi sinaptiche

del compagno più serio e

menzognero ad un tempo

che possiedo dalla nascita.

 

 

 

Zizek // suggerimenti pre-elettorali

Posted in Libri, livres, biblia, libros, Manuale, Saggio, Uncategorized on 31/01/2018 by ADSO

 

IMG_1367

//Benvenuti in Tempi interessanti !!//

 

“Destra e sinistra,
che si alternano oggi nella gestione del potere,
hanno ben poco a che fare col contesto politico
da cui i termini provengono
e nominano semplicemente i due poli –
quello che punta senza scrupoli sulla desoggettivazione
e quello che vorrebbe invece ricoprirla
con la maschera ipocrita del buon cittadino democratico –
di una stessa macchina governamentale.”

 

Pornografia assoluta/part 1

Posted in Piccolità// mie poesie minuscole+, Uncategorized with tags , , , on 30/01/2018 by ADSO

dsc_0027.jpg

Se i castelli non avessero crepe farebbe meno freddo. 

Nei castelli ci sono di solito molti sonnotappeti.

A cosa tendo?
Alla perfezione del Linguaggio
“Io sono”
al dire qualcosa di così ugualmente perfetto su di me.
Se desidero avere dei nomi così chiari per me?
Se desidero permutare solo poche lettere per riscoprirmi ogni volta Me
nuova e uguale? 
–chi non lo vorrebbe?
(“nessuno biancalessia!!” )
 
Se poi, il Roveto Ardente lo senti parlare dentro da sempre
l’estrema e più dolorosamente
AMATA  e benedetta difficoltà di esistere.
Un Roveto Ardente che nessun mare intacca. 
Nemmeno il mare comune dell’interiormorte

 

Se i castelli non avessero crepe

farebbe meno freddo. 

Nei castelli ci sono di solito molti sonnotappeti.
Se io sono Arco ( e diventerò freccia nel momento del lancio e poi punto)
e lo sono, 
Io quieta e dormiente 
avevo scelto di rendere rarefatta la tensione della mia corda ma 
tutto è profondamente Teso
ad un linguaggio spaventoso perchè nudo
e io voglio dartelo
il mio linguaggio
perchè possa costruirti intorno se lo vuoi,
una nuova dimora più confacente al tuo Grande Corpo
che abbia una tavola sempre imbandita
di pani di Luce che siano solo per Te
che tu possa cibartene quando desideri. 
Vorrei il tuo riposo
ed il tuo risveglio di drago;
un castello con un’apertura ti donerei,
sì come il Pantheon così potresti, 
quando drago
volare via a sputare 
il tuo fuoco di riconoscenza e sacro terrore tutto intorno
e anche spaventarti di te stesso
in piena Libertà 
[Io conosco l’incantesimo dell’architettura che non fa piovere all’interno]
 
 

Architetture

Posted in Piccolità// mie poesie minuscole+ on 29/01/2018 by ADSO

Nero,
profondo e insondabile nero
che a noi pare
blu e lo chiamiamo notte.
Nello spazio profondo
non esiste il giorno
solo la notte, i pianeti i buchi neri
e le stelle
sono la carta da parati
della casa di Dio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: