Moses Sumney – Aromanticism

Un disco scoperto per caso attraverso i tiny desk concerts su youtube.

Titolo intrigante di per se e di mia appartenenza, di certo.

Ascoltarlo è stato come lo sciogliersi della moneta che sono, per caso, nella coca cola.

Struggente senza essere languido, doloroso senza essere greve, importante senza essere pretestuoso o strumentale.

Erano anni che non mi sentivo dentro un disco, esattamente quanto l’immagine del video di doomed, lui immerso in un liquido trasparente e non identificato, che parla e canta: perfettamente aderente a come io mi percepisco vivere a volte, quasi soffocando, ma con la stessa lucidità e disperata espressività.

Davvero un lavoro mirabile, anche perchè il falsetto che usa ha la delicatezza di un soffio invece che lo stridulo e potente carattere di immediatezza di un acuto di Diamanda Galas (ma questa è un’altra, inquietantissima, storia).

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: