Regalandovi/mi Lacan

“Sono un artificiere. Fabbrico qualcosa che alla fin fine serve a un assedio, a una guerra, a una distruzione. Io non sono per la distruzione, ma sono a favore del fatto che si possa passare, che si possa avanzare, che si possano abbattere i muri” e l’io parlo ai muri di qualcuno come vive qui?
a-mur?
non siamo più disposti a mutare nella/per la conoscenza e la filosofia ha perso la meraviglia, che stava proprio nel ritrovarsi “diversi” ogni momento su quella strada che è la ricerca della verità. Non si è più disposti a dirsi corresponsabili nel processo di conoscenza; la corresponsabilità è partecipazione attiva al processo e accettazione dell’ in fieri che essa necessariamente presuppone.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: