“La noia” Alberto Moravia

Trovarsi imbrigliati nella quotidiana e viscida sensazione;
specchiare se stessi nel rame che restituisce lo stesso imperfetto riflesso, quello che non ci permette di vivere.
Lì nello spazio tra le scoscese pieghe di un Io involuto, si dipana la tragedia di un sopravvivere consapevole della propria inconsistenza emotiva: tutto è sporco di noia.
Ci sono giorni in cui la macchia è piccola e puoi, non a fatica, fingere di non vederla.
Altri, dal barbiere o con le donne, o dopo le donne come il protagonista,
in cui la macchia si allarga fino ad inghiottire l’assoluto,anche quello immaginato.
La noia non è mai banale.
L’unica salvezza sarebbe un vivere inconsapevole.
Chi vi riesca ha, sin d’ora e pur non conoscendolo/a tutta la mia stima, quella inconsapevole e inaccettata.
L’altra stima, la cosciente, la conservo per gli altri. Quegli altri, tutti, di questo libro e della vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: