Il Cimitero di Praga- Umberto Eco

Ce l’ho fatta! Direte, è così difficile seguire e finire questo libro? si.

con certezza posso affermare che ho proceduto con la stoicità di chi adora Umberto Eco, uomo ideale per la bellezza della sua mente.

Eppure il libro appariva ostico man mano che la storia che si delineava tracciava le linee di una personalità doppia o di due personalità che in comune avevano la loro grettezza. Non è stato facile cogliere a primo impatto che questa dissacrazione forzata della massoneria, della chiesa, delle compagini istituzionali non è altro che una legittimazione al contrario, dato che, a delegittimare tali istituzioni è il soggetto delegittimo per eccellenza (Simonini). Sono stata felice di riscoprire che quell’astio e quel pregiudizievole modo di guardare appartiene ontologicamente, all’italiano, più che a gente d’oltralpe. Del resto vedo ogni giorno come questo sia assolutamente vero. Lo consiglio per chi, non ha uno stomaco, ma un intelletto molto molto molto forte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: