E se..

feltrinellizzandovi trovaste “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” di Oliver Sacks illustre neurologo il quale descrive una serie di casi clinici mostrandoci però la labilità dell’essere umano in tutte le sue componenti, fisiche, percettive. E’ un libro che mostra come il mondo possa essere effettivamente visto in tanti modi diversi a seconda di cosa accade ad una persona in un dato momento, ma questa volta, lungi dall’essere un lavoro solo psicologico nel senso astratto del termine, l’autore ci mostra come perdere una parte della vista, piuttosto che la percezione del proprio corpo, possa cambiare la nostra vita, renderci diversi. E la diversità come si sa non è sempre accettata, non è sempre un bene per chi ama identificarsi e non temere. Allora l’autore sa infonderci questo senso di piena comprensione di ciò che accade intorno, dell’altro nelle sue problematiche che mai avremmo immaginato se egli, con questo elenco di casi reali eppure assolutamente difficili da immaginare, non ce le avesse mostrate. Sempice. Bellissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: